Categoria: ricette

tomato sauce without soffritto

CIMG5798Prepare the sauce without soffritto is much healthier and tastier and  you can avoid the  smell of fried on  hair and clothes. The soffritto releases an enticing aroma that instantly petering out after a couple of minutes by altering the authenticity of flavors. Instead the olive oil put cooked, keep intact all its beneficial properties and its fragrant taste. Prepare the perfect sauce for pasta with   homemade tomato puree or, during the season, fresh tomatoes. CIMG8516Preparare il sugo senza soffritto è molto più salutare e  saporito. Il soffritto rilascia istantaneamente un profumo invitante che scemerà dopo un paio di minuti alterando la genuinità dei sapori. L’olio crudo invece, messo a fine cottura, manterrà inalterate tutte le sue proprietà benefiche e il suo gusto  profumato. La salsa ideale va preparata con passata fatta in casa o  con pomodori freschi quando sono di stagione.


These recipes have a variant or an option  for intolerants and allergics: choose or delete the ingredients according to your needs, those of any diners, and carefully follow the entrance. The ingredients are strictly organics or biodynamics. Use what you have at home.

Queste ricette hanno tutte una variante o una opzione nel caso di intolleranze e allergie, scegliere o eliminare gli ingredienti in base alle proprie esigenze, a quelle degli eventuali commensali, e seguirne attentamente la successione. Gli ingredienti sono tassativamente di origine biologica o biodinamica. Usare quello che si ha in casa.CIMG8517

ingredients:

fresh tomatoes / tomatpure
carot
brown sugar-whole salt
fennel
bay leaves
garlic
sage
yellow and green pepper
fresh chilly pepper (optional)
onion
salted capers (optional)
fresh mint
ligurian riviera olive oil
extra virgin olive oil oregan
soya sauce
extra virgin olive oil
parsley
dried chili pepper (optional)

preparation method:

Peel the fresh tomatoes and, after crush them, put  in a small saucepan with a few water and a carot cut in tiny pieces Add salt and a teaspoon of brown sugar. Do the same if you use tomato pure. Strictly  adhere, as described in step by step instructions, the order of use of the ingredients and the pauses. Add the fennel finely cut, stir and cover, simmer over very low heat. Just carrot and fennel have softened the lid off and insert two or three bay leaves, pause, two cloves of garlic, two leaves of sage and then one small pepper cut into strips, the fresh hot pepper and then the onion finely cut. Mix. Rinse the capers to remove the salt and add to the sauce, stir. Insert one sprig of mint. Before turn off the heat add a handful of olives and then a pinch of oregano. Turn off the heat and stir cover. Leave to stand five minutes, then add a couple of teaspoons tamari and extra virgin olive oil. Now the sauce is ready for your favorite pasta. The finely chopped parsley  add directly to the pasta.CIMG8515

Mettere i pomodori freschi in una piccola pentola con un po’ d’acqua, coprire, portare ad ebollizione e abbassare il fuoco. Spegnere quando i pomodori cominciano a sbucciarsi. Togliere la buccia, schiacciare i pomodori e rimetterli nella medesima pentola con la stessa acqua di cottura assieme ad una carota tagliata a minuscoli dadini. Salare e aggiungere mezzo cucchiaino di zucchero di canna, nel caso aggiungere ancora un po’ d’acqua, mescolare e chiudere con il coperchio, fuoco al minimo.   Il pomodoro fresco a differenza dei pelati non ha bisogno di una lunga cottura e si asciuga in fretta. Rispettare attentamente la successione e le pause d’entrata degli ingredienti. Aggiungere  del finocchio finemente tagliato, mescolare e coprire. Appena carota e finocchio si sono ammorbiditi scoperchiare e inserire  due o tre foglie di alloro,  dopo una pausa due spicchi d’aglio, la salvia e poi un po’ di peperone tagliato a strisce, il peperoncino piccante fresco la cipolla. Mescolare.  Sciacquare bene i capperi per togliere il sale e aggiungerli al sugo, mescolare.   Inserire   un  rametto di mentuccia. Siamo quasi a fine cottura quindi aggiungere  una manciata di olive e poi l’origano. Spegnere il fuoco rimescolare e coprire. Dopo una breve pausa aggiungere un paio di cucchiaini di tamari, mescolare e alla fine l’olio extra vergine di oliva che sprigionerà un dolce intenso profumo. Chi vuole può aggiungere ulteriore peperoncino piccante. A questo punto la salsa è pronta per condire la pasta preferita. Il prezzemolo ben tritato va aggiunto direttamente alla pasta dopo averla condita per non perdere il suo sapore.

The record of this recipe is: Mongo Santamaria “Sofrito” (Vaya records, US 1976, LP Vinyl).

CIMG9065

Mongo Santamaria (Havana, Cuba 1917 – Miami, Usa, 2003) Very hard to pick among his extensive discography, but “Sofrito” is perfect for this recipe. Mongo Santamaria is considered one of the best  percussionists of Afro-Cuban Latin Jazz.  He was an innovator always careful to tradition, in the 1960s, his fusion of Soul and R&B with Afro-Cuban rhythms has pioneered the Boogaloo style. He  played with talents as Cal Tjader, Tito Puente, Perez Prado, Dizzy Gillespie, Lalo Shifrin. He wrote classics such as Afro Blue” recorded by John Coltrane and his version of “Watermelon Man” has made visible an unknown Herbie Hancock.

Mongo Santamaria (Havana, Cuba 1917 – Miami, Usa, 2003) Difficile scegliere tra la sua vasta discografia, ma il titolo “Sofrito” è il più indicato per questa ricetta. Mongo Santamaria è considerato tra i migliori percussionisti del Latin Jazz cubano. E’ stato un innovatore sempre attento alla tradizione, negli 1960 coniugando Soul e R&B con i ritmi afro-cubani ha aperto la strada al Boogaloo. Ha collaborato con talenti come Cal Tjader, Tito Puente, Perez Prado, Dizzy Gillespie, Lalo Shifrin. Ha scritto classici come “Afro Blue” reinterpretata da John Coltrane e la sua versione di “Watermelon Man” ha reso visibile l’allora sconosciuto Herbie Hancock.CIMG9069

CIMG8352

rice and chard

These recipes have a variant or an option  for intolerants and allergics: choose or delete the ingredients according to your needs, those of any diners, and carefully follow the entrance. The ingredients are strictly organics or biodynamics. Use what you have at home.

Queste ricette hanno tutte una variante o una opzione nel caso di intolleranze e allergie, scegliere o eliminare gli ingredienti in base alle proprie esigenze, a quelle degli eventuali commensali, e seguirne attentamente la successione. Gli ingredienti sono tassativamente di origine biologica o biodinamica. Usare quello che si ha in casa.

ingredients:

-wholegrain basmati rice / riso basmati integrale
-carot/ -carota
-swiss chard / -bietole
borlotti beans / -fagioli borlotti
-extra virgin olive oil / -olio extra vergine di oliva
-turmeric powder / -curcuma
-hot curry / -curry piccante
-hot chili pepper / -peperoncino
-nutmeg / -noce moscata
-soya sauce / -tamari

preparation method:

Cook the rice with the desired method, Dubplates prefer steaming according to the Japanese method: a portion of rice and about two of water (see the detailed description: https://dubplatesblog.wordpress.com/2014/05/26/ ricewithchickpeaofleescratchperry /). Steam carrots and swiss chard with a steamer basket and boil the beans previously soaked overnight. Crush the carrot ia a plate using a fork and pour over the rice and beans. Season with oil, turmeric, curry, nutmeg, pepper, tamari. Mix well, add the chard and serve.

Cuocere il riso con il metodo desiderato, Dubplates preferisce la cottura al vapore secondo il metodo giapponese:  una porzione di riso e circa due di acqua  ( vedi la descrizione dettagliata: https://dubplatesblog.wordpress.com/2014/05/26/riso-con-ceci-di-lee-scratch-perry/  ). Cuocere al vapore la carota e le bietole  usando l’apposito cestello e lessare i fagioli preventivamente lasciati a bagno tutta la notte. In un piatto schiacciare la carota e versare sopra il riso e i fagioli. Condire con olio, curcuma, curry, noce moscata, peperoncino, tamari. Mescolare bene, aggiungere le bietole e servire.

The record of this recipe is: Mirror To The Soul Caribbean Jump-Up, Mambo & Calypso Beat 1954-77- Various (Soul Jazz records, UK 2013, 2xLP Vinyl).

Big sounds from small islands. This album is a whistle-stop musical journey through the Caribbean, stopping off at Trinidad, Cuba, Jamaica, Puerto Rico, the Bahamas and more along the way.  Artists include Irakere, Cachao, Slim Smith, Celia Cruz, El Gran Combo, Edmundo Ros, Lord Flea, Techniques, Carlos Malcolm, Count Ossie and more.  Popular music in the Caribbean has produced many new styles, such as reggae in Jamaica, calypso in Trinidad, salsa and mambo in Cuba, zouk in Martinique and Guadeloupe, influencing and helping new styles throughout the world. Music, especially the drum, was and is a spiritually significant link to Africa. Slaves were brought to the Caribbean with no personal possession or family, music and worship became laden with memories and ancestors from a previous life. With African religions banned in most of the colonies, spirit worship and the call and  response music that is ever-present in   these faiths remained a hidden force in the Caribbean that has enable West indian people of African descent to retain an extremely strong sense of lineage back to Africa and their ancestors:a necessary response to the heinous crime of the slave trade. With   cultural  and  musical  traces  everywhere this people has  shiftedPaul Gilroy,  Afro-British sociologist, summarizes this as The Black Atlantic, an inexhaustible  power of transnational countercultural creativity. The record also contains a DVD with various newsreels, filmed in the Caribbean between 1920 and 1972, from British Pathé archive, a film company founded in 1896 in Paris by  Pathè brothers.CIMG8140Grandi suoni provenienti da piccole isole. Questo album è un breve viaggio musicale attraverso i Caraibi, con fermate a Trinidad, Cuba, Giamaica, Puerto Rico, Bahamas e altre ancora lungo la strada. Con artisti come Irakere, Cachao, Slim Smith, Celia Cruz, El Gran Combo, Edmundo Ros, Lord Flea, Techniques, Carlos Malcolm, Count Ossie tra gli altri. La musica popolare nei Caraibi ha prodotto, influenzato e aiutato molti nuovi stili, come il reggae in Giamaica, il calypso a Trinidad, salsa e mambo a Cuba, zouk in Martinica e Guadalupa, latin-jazz, funk e boogaloo in USA, jungle in Inghilterra. Le radici musicali afro-caraibiche con l’incontro coatto della cultura musicale europea ha prodotto suoni e danze che restano ovunque una costante. La musica, in particolare il tamburo, è stata ed è un collegamento spiritualmente significativo in Africa. Gli schiavi sono stati portati nei Caraibi isolati dal loro contesto personale e famigliare, la musica e i culti religiosi divennero  gli unici appigli a cui appoggiarsi, anche se vietati nella maggior parte del colonie. Ma la  spiritualità, la musica responsoriale e poliritmica, sono rimaste una forza nascosta nei Caraibi che ha permesso al popolo discendente della diaspora africana di sopravvivere  conservando tuttora, anche attraverso il sincretismo, un fortissimo legame con la madrepatria degli antenati,  una risposta necessaria al crimine efferato della tratta degli schiavi. Con tracce culturali e musicali ovunque questo popolo si sia spostato: è quello che Paul Gilroy, sociologo e scrittore afro-britannico, sintetizza come The Black Atlantic, una forza inesauribile di creatività controculturale transnazionale. Il disco contiene anche un dvd con un documentario composto da una sorta di vari cinegiornali, girati nei Caraibi tra il 1920 e il 1972, dell’archivio inglese Pathè, una compagnia cinematografica fondata nel 1896 a Parigi dai fratelli Pathè.

https://vimeo.com/64331127

Paul Gilroy- “The Black Atlantic, Modernity and Double Consciousness” (1993, Verso, London-New York/ 2003, Melteni editore, Roma)

CIMG8108 CIMG8107Y013

urban pumpkin soup

These recipes have a variant or an option  for intolerants and allergics: choose or delete the ingredients according to your needs, those of any diners, and carefully follow the entrance. The ingredients are strictly organics or biodynamics. Use what you have at home.

Queste ricette hanno tutte una variante o una opzione nel caso di intolleranze e allergie, scegliere o eliminare gli ingredienti in base alle proprie esigenze, a quelle degli eventuali commensali, e seguirne attentamente la successione. Gli ingredienti sono tassativamente di origine biologica o biodinamica. Usare quello che si ha in casa.

ingredients:

pumpkin / zucca
-carots / -carote
-ginger root / -zenzero
-garlic / -aglio
-tomato sauce / -passata di pomodoro
-bay leaves / -alloro
-sage / -salvia
-water / -acqua
-ligurian riviera olives / -olive della riviera ligure
-chickpeas or borlotti beans / -ceci o fagioli borlotti
-extra virgin olive oil / -olio extra vergine di oliva
-turmeric powder / -curcuma
-soya sauce / -tamari
-hot chili pepper / -peperoncino
-cinnamon / -cannella
-pumpkin seeds / -semi di zucca
-sesame seeds / -semi di sesamo
-whole grain toasted bread/corn cakes / -pane integrale abbrustolito/gallette di mais preparation method:

Slice the pumpkin, scoop out the seeds and scrape the insides. Cook steamed  with two carrots until soft: use an ordinary  pot with a steamer basket inside it. The skin will practically lift away without a knife. Switch to the blender with the carrots and fresh ginger. Bake in a pot with a little water, garlic, tomato sauce, bay leaves and sage. Bring to a boil and cook over very low heat, stirring occasionally, for about ten minutes. When cooked, add a handful of olives and chickpeas or borlotti  beans if you prefer. Cover and simmer a few minutes then add oil, turmeric, tamari, pepper and mix well. Pour into a bowl with a pinch of cinnamon, a few drops of olive oil, pumpkin seeds and sesame seeds. Serve with toasted wholemeal bread or gluten-free corn cakes.

Tagliare la zucca e togliere i semi,  cuocerla al vapore con due carote usando l’apposito cestello. La buccia verrà poi via con facilità. Frullare con zenzero fresco e le carote. Cuocere in una pentola con un pò d’acqua, due spicchi d’aglio, salsa di pomodoro, qualche foglia di alloro e salvia. Portare ad ebollizione e continuare la cottura a fuoco molto basso, mescolando ogni tanto, per una decina di minuti. A fine cottura aggiungere una manciata di olive e di ceci o chi preferisce i fagioli borlotti. Coprire e lasciare riposare alcuni minuti quindi aggiungere olio, curcuma, tamari, peperoncino e mescolare bene. Versare in una tazza con un pizzico di cannella, un filo d’olio, semi di zucca e semi di sesamo. Servire con pane integrale  abbrustolito o gallette di mais gluten free.

 The record of this recipe is one of several wonderful album of Italian master Piero Umiliani: L’UOMO E LA CITTA’–  (LP, Liuto Records,  1976-) Reissue by Easy Tempo, sub label of glorious Right Tempo Italian label based in Milan, in 2000. I have seen Umiliani several times in the Right Tempo office in Milan in the late 1990s. I do not know to what extent he was aware of the importance and influence of his music for many DJs and producers around the world. His magical touch on the keyboards, especially organ and synthesizer, his innate versatile talent to create unforgettable melodies and luxurious arrangements and orchestrations. “The Man And The City” is a summary of his characteristic blend of sounds and styles: urban soundscapes, latin and funky massive rhythms, Italian soul, electronic, cinematic and swinging, space-age-easy time…from jazz, of course.

CIMG8126CIMG8125 CIMG8127

http://www.umiliani.com/index.html

Rasta Rice With Peppers

CIMG7280  A proposito di cibo sano e naturale i Rastafari sono sicuramente dei precursori.  Sin dalla sua nascita, negli anni 30 del 900,  il movimento Rasta sceglie un’alimentazione non artefatta,  anche come forma di resistenza all’omologazione e all’appiattimento culturale. E’ una cucina semplice e salutare denominata Ital (rielaborazione dell’inglese vital) che rifiuta il cibo prodotto industrialmente origine  di ogni sorta di impoverimento, come rileva lo scrittore  giamaicano Horace Campbell: “...Lo stato coloniale o neocoloniale (in Giamaica) non si era mai occupato di diffondere una dieta bilanciata tra la gente…Molto tempo prima che la qualità dell’alimentazione venisse messa al centro dell’attenzione delle società occidentali, i rastafari denunciavano l’alto contenuto di additivi presente nei cibi importati e insegnavano ai loro fratelli il valore dei raccolti autoctoni e la loro importanza nella preparazione dell’Ital Food…Costretti a vivere con il minimo necessario, i rasta ricercarono una dieta che assicurasse loro un’esistenza sana, consapevoli di non poter contare sulle strutture d’assistenza medica e si preoccuparono di apprendere i rudimenti erboristici e riposero grande cura nel preparare cibi che garantissero un buono stato di salute.” (Horace Campbell “Resistenza Rasta” Shake Edizioni, 2004).

  Ovviamente la musica scelta per questa ricetta non poteva che essere di un artista rasta: Augustus PabloKing Tubby Meets Rockers Uptown ( Lp vinyl, Yard Music, Jamaica 1976).CIMG7293                                                                              ingredienti  (di origine biologica):

-riso superfino gange integrale
-peperone rosso
-peperone giallo
-peperone verde
-carota
-pomodoro fresco
-fagioli borlotti freschi
-peperoncino piccante
-prezzemolo
-lattuga romana/songino
-curcuma
-olio extravergine di oliva
                                                                                             -tamariCIMG7284
-preparazione:
  Cuocere il riso con la carota tagliata a dadini. Sgranare i fagioli e cuocerli  separatamente. Mettere una foglia di salvia e alloro nell’acqua. A  metà cottura del riso aggiungere i peperoni tagliati a strisce e continuare con il coperchio sulla pentola. Nel mentre spellare e  tagliare a pezzetti un pomodoro fresco in un piatto da insalata (il cuore di bue è il più indicato) e appena pronti, dopo un piccolo riposo,  versarvi il riso e i fagioli perfettamente asciutti. Condire con l’olio extra vergine e la curcuma, quindi aggiungere il prezzemolo ben tritato, tamari e peperoncino a piacere, un ingrediente alla volta mescolando con cura ogni volta. Completare con la lattuga romana tagliata molto fine o in alternativa il songino. La romana è dolce il songino è leggermente più amarognolo. Se ben preparato i tre colori della cultura Rastafari giallo, rosso e verde eromperanno dal piatto. Sono colori simbolici presenti nelle bandiere di molte nazioni africane come l’Etiopia, la terra promessa di Zion e patria dell’imperatore Hailè Selassiè il Ras Tafari che ha dato origine alla cultura Rasta negli anni 1930 su indicazione del leader giamaicano Marcus Garvey. Il giallo rappresenta l’oro, le richezze dell’Africa, il rosso è il sangue versato dagli schiavi deportati e il verde è la terra, la natura. La presente ricetta gioca semplicemente sui tre colori della bandiera Rasta accostando ingredienti, ben presenti nella cucina Ital,  nelle varie gradazioni: i gialli oro del riso colorato dalla curcuma, del peperone giallo, dell’olio e delle carote, i rossi del pomodoro, del peperone rosso e del peperoncino, i verdi del prezzemolo, dell’insalata e del peperone verde.
  Augustus Pablo– (Horace Swaby, 1954-1999 Giamaica) All’inizio della sua carriera, verso la fine degli anni 60 del 900, era un teenager prodigio capace di suonare qualsiasi tastiera compresa l’umile melodica, che eleverà da strumento giocattolo da ora di musica nelle scuole dell’infanzia a tastiera di rango e voce solista della maggior parte delle sue composizioni, caratterizzandola con un suono profondamente spirituale  ed estatico. Il suo tipico stile contemplativo e l’innata  capacità di creare infinite e vorticose melodie  portano Pablo a collaborare con tutti i migliori produttori giamaicani primo fra tutti King Tubby il mago del suono che inventò la musica Dub. La sensibilità musicale di Pablo e Tubby raggiunge l’apice nel disco King Tubby Meets Rockers Uptown una raccolta di maestose e imponenti tracce strumentali, ritmi massicci, echo vaganti e fluttuanti, magici giri di basso, inossidabili melodie, epiche sezioni fiati ed ineguagliata  perizia tecnica.
  Il Rockers reggae è lo stile ritmico emerso a metà degli anni 70 appunto con queste registrazioni.  Prima il ritmo imperante nel reggae era l’One Drop ovvero l’accento di cassa e rullante sulla terza battuta delle quattro a disposizione. Il Rockers style enfatizza tutti i 4/4 accentuando la seconda e la quarta battuta del ritmo. Gli esponenti principali di questo stile sono la coppia Sly Dunbar, batteria, e Robbie Shakespeare, basso e naturalmente Augustus Pablo che chiamò Rockers International una delle sue etichette discografiche e Rockers Hi Fi il sound system che gestiva con il fratello.
La spiritualità e la devozione alla religione Rastafari sono  onnipresenti nelle composizioni e nelle copertine dell’artista giamaicano. Di frequente Haile Selassie Ras Tafari è accreditato come il produttore dei suoi dischi. Un buon impianto con un sacco di watt capace di gestire  la grandiosità dei bassi e la spazialità  del suono sarebbe raccomadato ma anche con un paio di cuffie e un  lettore ipod il disco non perde il suo fascino e resta  un ineguagliato  monumento anche dopo quasi 40 anni.
  Horace Campbell- (Montego Bay, Jamaica) scrittore e professore di Studi Afro-Americani e scienze politiche all’Università di Syracuse (U.S.A.).
   Alcuni suoi libri:
-Reclaiming Zimbawe: The Exhaustion of the Pattriarchal Model of Liberation (Africa Word Press, 2003)
-Pan Africanists and African Liberation in the 21th Century (New Academia Publishers, 2006)
-China in Africa: challenging US global hegemony (Pambazuka Press, 2007)
-Rasta and Resistance: From Marcus Garvey to Walter Rodney (Hansib Publications, 1985)

Stufato Lunare di Sun Ra

Questa è la ricetta di Sun Ra descritta nella biografia Space Is The Place-La vita e la musica di Sun Ra“: di  John Szwed (minimum fax 2013).

Sun Ra era vegetariano “…e la sua cucina, così come la sua musica, era personalizzata, spirituale e misteriosa. Il suo piatto forte era lo Stufato Lunare, un mix di peperoni verdi, cipolla, aglio, patate, gombo (okra), pomodori e pannocchie di granturco. Quando è preparato a regola d’arte, spiegava, si sentiva il sapore di ogni singolo ingrediente. Una volta gli chiesero la ricetta per un libro di cucina scritto da musicisti, ma lui avvertì gli autori che non c’erano dosi fisse e che gli ingredienti necessari erano sincerità e amore, per non parlare della capacità di accendere il fuoco con l’intensità psichica:Non si può dire: “Un cucchiaino di questo, un cucchiaino di quello”. Come i musicisti, si improvvisa. E’ come trovarsi su di un piano spirituale, si aggiungono le cose giuste senza sapere perchè. Viene a meraviglia quando lo fai così. Se ci rifletti, non funziona. (pag. 241)
Dubplates segue scrupolosamente i preziosi consigli di Sun Ra e propone la sua versione dello Stufato Lunare accompagnato, naturalmente, dalla musica del musicista spaziale, un disco scelto accuratamente dalla sua vasta discografia:

SUN RA AND HIS INTERGALACTIC INFINITY ARKESTRA The Night Of The Purple Moon” (Vinyl LP, Thoth Intergalactic Records, USA 1970)  Non dimenticare che queste ricette hanno tutte una variante o una opzione nel caso di intolleranze, scegliere o eliminare gli ingredienti in base alle proprie esigenze e a quelle degli eventuali commensali. Seguirne attentamente la successione. Non è un problema se dimenticate un ingrediente, usate quello che avete in casa e sperimentate.
ingredienti  (di origine biologica):
-patate
-zucchine
-carote
-melanzana
-peperone verde, peperone giallo
-pomodori
-ocra
-aglio
-cipollotto rosso
-zenzero
-olive della riviera ligure
-olio extravergine di oliva
-salsa di soia
-origano
-peperoncino piccante (preferibilmente fresco)
-spezie lunari
-alloro
-salvia
-menta
-semi di girasole
CIMG6907-preparazione:
Lavare, mondare, tagliare la verdura a pezzi regolari e metterla in una capiente padella con acqua, spicchi di aglio, zenzero, alloro e salvia. Anche ai pomodori è preferibile levare la buccia. Le carote vanno tagliate a pezzi più piccoli dato che il loro tempo di cottura è più lungo. Il cipollotto va sempre lasciato intero e messo al centro. Mettere sul fuoco, aggiungere poco sale integrale, portare ad ebollizione e continuare a fuoco il più basso possibile. Le verdure dovrebbero essere cotte in una ventina di minuti, l’acqua non deve asciugarsi del tutto e mescolare solo un paio di volte:  lo stufato non deve diventare una poltiglia indistinguibile, quindi regolarsi di conseguenza. Cinque minuti prima di spegnere il fuoco aggiungere le foglie di menta, poi una manciata di olive e infine l’origano. L’olio, la salsa di soia e i semi di girasole vanno aggiunti solo a fuoco spento dopo un piccolo riposo. Servire assieme a riso, cous cous o come contorno.  David Toop a proposito di Sun Ra: …L’America, in particolar modo, è disseminata di eccentrici, visionari, teorici della cospirazione e di isolati imbecilli che si consacrano capi spirituali di chiese per corrispondenza, disseminano filosofia sui flussi di energia di una follia trasmessa direttamente da ufo di passaggio, predicendo la fine del mondo e un ritorno all’età dell’oro. Qual era la diversità di Sun Ra? In parte risiedeva nella sua umoristica autocoscienza. In una delle sue canzoni orecchiabili piene di ironia. Ra affermava che la fine del mondo era già avvenuta e superata, cosicchè lui sapeva come cavarsela con le regole della faccenda apocalisse.  Sotto altri punti di vista, coincideva con il suo personaggio: un profeta popolare che univa una conoscenza autodidatta con un folle patchwork di profonda saggezza, sproloquio e glossolalia. La musica racchiudeva tali contraddizioni: un momento su Saturno e il successivo di nuovo sulla Terra, in un locale “burlesque” di Chicago. Questa divergenza irrazionale era sconcertante per i compositori europei, mistici e intellettuali, come Karlheinz Stockhausen che espresse il suo entusiasmo su “Melody Maker” nel 1971, dopo aver visto Sun Ra esibirsi: “e vi dico che i primi venti minuti sono stati musica sperimentale d’avanguardia di prima qualità che è impossibile catalogare in alcun modo. Era così incredibilmente asimmetrica!…Ma a questo pezzo ha fatto seguito un pò di musica insulsa da saloon. Quel genere di musica per film da quattro soldi”. (daOceano di Suono-Discorsi eterei, ambient sound e mondi immaginari” David Toop (Costa & Nolan 1999).
 Forse il compositore tedesco si riferiva a “canzonette” come la splendida Love In Outer Space presente in versione strumentale in The Night Of Purple Moon … o a quelle ancora più “insulse” del doppio CD The Singles (Evidence Records, USA 1996) la raccolta di tutti i 45 giri pubblicati dalla Saturn Research, l’etichetta personale di Sun Ra. Fantascienza, viaggi spaziali, segregazione razziale, antico Egitto, musica Jazz-Elettronica-Sperimentale-Lounge-da bordello o saloon. Doo Wop, musica per film e telefilm science-fiction immaginari da quattro soldi, Afro-Futurismo, Pan Africanismo e Tribalismo, Astronomia e Cosmologia, i contatti tra antichi Egizi e Alieni, la Bibbia, Il Libro Tibetano dei Morti, i fumetti e la fantascienza black…Per chi volesse approfondire la conoscenza di uno dei più importanti e seminali musicisti del 1900, a parte la vasta discografia, c’è l’imprescindibile libro di  John F. Szwed “Space Is The Place-La vita e la musica di Sun Ra” (minimum fax 2013). CIMG6711                                                                                                        

psychedelic ice tea

ingredienti : (di origine biologica)
– tea verde bancha o sencha aromatizzato (scegliere tra ciliegia, rosa, fragola, mirtillo)
– zenzero fresco
– cannella in bastoncini
– limoni
– zucchero di canna
– miele di acacia o millefiori
– menta fresca
– acqua

CIMG6864CIMG6822CIMG6828s

                                                                                                                                                                                                          preparazione:

Il tea deve essere esclusivamente bancha o sencha aromatizzato. A Genova il migliore è quello della bottega “Torielli”.
Scaldare l’acqua sufficiente a riempire una bottiglia da litro o una caraffa. Aggiungere qualche fogliolina di menta, pezzetti di zenzero e di cannella.
Portare a ebollizione, abassare il fuoco e bollire per almeno cinque minuti.
Spegnere, lasciare riposare un attimo e aggiungere le foglie di tea: l’acqua, con tutto il suo contenuto, va versata sul tea e non viceversa e non deve essere troppo bollente.
Lasciare in infusione 15 minuti e filtrare versando in una caraffa.
Aggiungere lo zucchero di canna, il miele, il succo di limone e girare molto bene. La quantità di zucchero e limone dipende dai propri gusti.
Mettere in bottiglia aggiungendo foglie di menta, un pezzettino di zenzero e di scorza di limone. Appena si è raffreddato mettere in frigo. Consumare entro un paio di giorni, poi tende ad inacidirsi.
Servire fresco in veranda, terrazzo, giardino, balcone o sul davanzale della finestra, magari con una fetta di space cake di mele (vedi articolo). Come sottofondo musicale una canzone messa in loop di White Noise : “Love Without Sound” (dal LP  “An Electric Storm” , Island records, UK 1969).

Delia Derbyshire ha composto e realizzato Love Without Sound. Inglese nata a Coventry nel 1927 è stata una dei pionieri della musica elettronica. Sua è la realizzazione del tema musicale  del celebre telefilm Doctor Who prodotto dalla BBC a partire dal 1963. Un primo esempio di musica per la televisione composta esclusivamente con apparecchiature elettroniche, suoni non di sintesi, i primi sintetizzatori vennero commercializzati attorno al 1967 da Robert Moog e Donald Buchia.

  Durante la seconda guerra mondiale la BBC Radio,  carente di personale maschile, apre le porte alle donne. Rientrati dal fronte gli uomini superstiti si ripresero in parte i loro posti di lavoro, anche se le donne erano  delle ottime tecniche del suono spesso molto più brave degli uomini, forse anche perchè non distratte, in un ambiente totalmente maschile, da competizione e carriera. La radio (in seguito anche la televisione), specie dal dopoguerra in poi, aveva un gran bisogno di musiche e suoni per sonorizzare i palinsesti.

  Nel dopoguerra alcune delle principali radio nazionali europee attrezzarono nei propri studi delle sale apposite per la creazione di musiche e suoni originali. Queste sale diventarono dei veri e propri laboratori di ricerca sonora: a Parigi il compositore Pierre Schaeffer dirige lo Studio D’Essai della Radiodiffusion-Television Francaise (RTF) il primo studio di musica elettroacustica creato appositamente per il suo  Groupe De Recherches De Musique Concréte. In quello studio ci passarono alcuni dei più prestigiosi compositori: Olivier Messiaen, Pierre Boulez, Edgar Varese, Karlheinz Stockhausen, Iannis Xenakis, Bernard Parmegiani. I primi esperimenti si effettuavano con la tecnologia dell’epoca principalmente registratori a nastro magnetico che producevano anche primordiali effetti di eco e riverbero, giradischi rallentati e white noise. CIMG6896                                                               > Delia Derbyshire, BBC Radiophonic Workshop.

  La sigla della serie televisiva Doctor Who fu scritta dal compositore australiano Ron Grainer e realizzata da Delia Derbyshire nel Radiophonic Workshop della BBC usando le tecniche della musica concreta concepita da Pierre Schaeffer: essenzialmente manipolazioni di nastro magnetico con incisioni di suoni e rumori della vita quotidiana. Il nastro veniva poi riprodotto a differenti velocità, tagliato, cucito, equalizzato  e  trattato con un riverbero naturale ottenuto dalla camera dell’eco.  L’echo chamber approntato da Delia Derbyshire e dai suoi collaboratori era uno scantinato con le pareti dipinte,  completamente vuoto a parte microfoni e casse acustiche. Gran parte dell’attrezzatura del Workshop era semi-professionale e proveniente da altri reparti come due giganteschi registratori a bobina e 12 oscillatori. Il resto era frutto dell’ingegno di questi ricercatori come il suono del Tardis, la spettacolare macchina del tempo del Dr. Who, inventato da Brian Hodgson rallentando le corde di un pianoforte rotto. Brian, oltre che stretto collaboratore di Delia, era anche membro dei White Noise. D’altronde prima di essere assunta dalla BBC Delia impartiva lezioni di pianoforte e la sua prima lezione consisteva sempre  nell’aprire lo strumento e mostrarne il funzionamento. Immagino si divertissero come bambini inseguendo quei suoni spaziali.

  Esperimenti simili a quelli di Pierre Schaeffer alla Radio nazionale francese erano già stati effettuati dal compositore egiziano Halim El-Dabh (all’epoca studente universitario al Cairo) con un registratore a nastro, eco, riverbero e suoni ambientali presi dalla strada. “Un tentativo di sbloccare il suono interiore”  ascoltabile nella composizione del 1944 The Expression of Zaar. La Middle East Radio del Cairo  patrocinò gli esperimenti di Halim El-Dabh , ma restò un caso isolato.

  La radio nel dopoguerra era un media in espansione e quindi alla continua ricerca di idee per i propri programmi, disponeva di fondi e attrezzature molto costose per  musicisti, ricercatori e sperimentatori creativi. Ben presto alcune lungimiranti radio nazionali europee seguirono l’esempio francese aprendo propri laboratori di ricerca musicale, in Germania, Italia e Inghilterra. 1951.Colonia, Germania: la Radio Westdeutscher Rundfunk Kòln apre lo Studio Per La Musica Elettronica diretto dal compositore Herbert Eimert con la collaborazione e poi la direzione di  Karlheinz Stockhausen.

1955. Corso Sempione, Milano: presso gli studi della Rai Radiotelevisione Italiana Luciano Berio e Bruno Maderna aprono lo Studio di Fonologia Musicale Rai che diventerà ben presto uno dei principali centri internazionali di ricerca e sviluppo della musica contemporanea ed elettro-acustica.  Note composizioni sperimentali elettroniche come Visage di Luciano Berio, Notturno di Bruno Maderna, Fontana Mix di John Cage e Omaggio ad Emilio Vedova  di Luigi Nono furono realizzate in questo studio.

Mentre i tre laboratori di Parigi. Colonia e Milano andavano oltre la produzione esclusiva di Music Library Il Radiophonic Workshop della BBC  era al completo servizio della radiotelevisione pubblica  inglese.  Il Radiophonic Workshop nasce nel 1958 con l’intento di produrre sound effects e nuove musiche per radio e tv. Delia Derbyshire entra alla BBC nel 1963. Non fu la prima donna talentuosa ad emergere in un ambiente tradizionalmente maschile: durante la II guerra mondiale la compositrice e musicista elettronica Daphne Oram lavorò per la BBC inizialmente come ingegnere del suono per poi co-fondare il Radiophonic Workshop;negli anni 1950 Maddalena Fagandini, anch’essa musicista elettronica specializzata in jingles, fece parte del primo gruppo di lavoro del Workshop prima di diventare produttrice televisiva. Pur di lavorare alla BBC Delia accettò l’ingaggio come tirocinante ma le sue doti non restarono a lungo nascoste. Precedentemente una sua domanda di lavoro era stata cestinata dalla Decca Records in quanto La casa discografica Decca non ha l’abitudine di assumere donne”  frase detta probabilmente dallo stesso perspicace dirigente che rifiutò il contratto discografico ad un ancora sconosciuto quartetto chiamato The Beatles.

  Ben presto Delia diventa il riferimento principale di quel  gruppo di eccentrici ricercatori del Radiophonic Workshop . Le tracce da lei composte spiccano rispetto a quelle dei suoi colleghi per quel tocco armonico sospeso tra ipnosi e nostalgia prima di evaporare sistematicamente nel vortice di suoni spaziali (o suoni mai ascoltati prima) e rumori sognanti o sognati. Il tema del sogno ricorre spesso e si materializza in memorabili melodie: sogni liberi alla deriva o semplicemente sciolti come febbre nell’anima” (Love Without Sound) o magnetiche mini-sinfonie elettroniche (Mattachin).  A me piace immaginarla, o sognarla, nel suo studio  con un elegante tailleur, una collana di perle al collo e una fascia per capelli a pois,  accanto una tazza di tea, regale tra libri di algebra e teoria dei numeri, oscillatori, schemi matematici, cavi, bobine di nastro magnetico e  strumenti elettronici analogici tra i quali un EMS Synth VCS3…………… I love this woman.

CIMG6895CIMG6894

White Noise – “An Electric Storm” , LP vinile, CD, Island records, UK 1969): per una esauriente recensione del disco ci sono l’entusiasmo di Julian Cope:   http://www.headheritage.co.uk/unsung/review/1143    e le note di copertina dei tre componenti della band : “Many sounds have never been heard-by humans: some sound waves you don’t hear- but they reach you. ‘Storm stereo’ techniques combine singers, instrumentalists and complex electronic sound. The emotional intensity is at a maximum”. (Molti suoni non sono mai stati uditi – dagli umani: alcune onde sonore non le percepirete- ma vi raggiungeranno ugualmente. Tempesta di tecniche stereofoniche sono abbinate a cantanti, musicisti e sofisticati suoni elettronici. L’intensità emotiva è all’apice)

La discografia di Delia Derbyshire non è molto vasta e comunque le sue composizioni sono sparse in compilation varie, un intero disco a suo nome non è ancora stato pubblicato. La BBC è tuttora proprietaria del copyright. Dopo la sua morte nel 2001 nella soffitta della propria abitazione sono stati trovati 267 nastri di sue incisioni…e chissà quanto materiale inedito nascosto negli archivi della BBC. Chi volesse approfondire la conoscenza c’è il suo bellissimo sito: www.delia-derbyshire.org/index.php  il documentario: Delia Derbyshire-Sculptress of Soundhttp://youtu.be/MA6Fb0nuAYw  e alcune indimenticabili composizioni: http://www.youtube.com/watch?v=7NWClSykRgQ&list=FLTcjCUXCH_nrCbznbawcH8A&feature=share&index=2 , http://www.youtube.com/watch?v=3YudPg7cbR4&feature=share&list=FLTcjCUXCH_nrCbznbawcH8A&index=20

CIMG6897CIMG6864CIMG6897CIMG6904